Il consulente per l’efficienza energetica: nuova sfida e nuova figura professionale

Il consulente per l'efficienza energetica: nuova sfida e nuova figura professionale
by

La nuova sfida della green economy.

Venerdì scorso il presidente Mattarella in visita a Expo 2015, ha celebrato a Milano la giornata mondiale dell’ambiente, ricordando le nuove sfide del futuro e l’importanza di assicurare un mondo sostenibile alle future generazioni, al pari di pace, giustizia cooperazione tra i popoli e il rispetto di diritti fondamentali della persona.

eff-energTra le nuove sfide del nostro Paese, secondo Mattarella, una fra le più importanti è quella della Green Economy.

E’ essenziale – ha detto il Presidente – puntare sulla green economy, già adesso è un vettore importante per il Pil italiano ed europeo e lo sarà sempre di più, è la sfida che sta cambiando i mercati.

Nel promuovere la green economy e la sostenibilità del pianeta, sono fondamentali:

– le idee innovative,

– le tecnologie avanzate

– il protagonismo dei giovani.

Le nuove figure professionali della green economy

Negli ultimi vent’anni, con l’aumento dell’utilizzo delle nuove tecnologie per l’efficienza ed il risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia, alcune figure professionali tradizionali stanno via via per esser sostituite da personale esperto in grado di occuparsi di energia ed efficienza energetica, sia in ambito industriale sia residenziale.

Il percorso di riqualificazione delle competenze e di creazione di professionalità è ancora lungo ed il gap da colmare ampio, mentre i percorsi formativi tradizionali non sempre riescono ad assolvere a questa nuova sfida.

A livello europeo già da diversi anni si parla di qualificazione delle nuove figure professionali del settore energetico ed edilizio, e si avverte anche in Italia la necessità di normare le nuove figure professionali, definendo quelle che sono le loro conoscenze, abilità e competenze.

Per alcune di queste nuove figure sono stati definiti dei percorsi di qualificazione a livello nazione, pensiamo al certificatore energetico, all’energy manager, all’esperto in gestione dell’energia, all’installatore di impianti a fonti rinnovabili, all’auditor energetico.

consulente energetico

Per altre figure invece non è sempre chiaro quali mansioni possono svolgere, quali competenze sono richieste, e qual è il percorso formativo per la loro acquisizione, e per la certificazione delle competenze già esistenti.

A titolo esemplificativo, penso ad una figura professionale, non ancora ben definita che potremmo chiamare il “consulente energetico” o” consulente per l’efficienza energetica”, ma che ricopre un ruolo molto importante.

Sfogliando gli annunci di offerte lavorative sono veramente tante le richieste da parte delle aziende, ma non esiste un percorso formativo riconosciuto per diventare “consulente energetico” nè sono richiesti particolari titoli di studio o abilitazioni professionali.

Chi è dunque il “consulente energetico o” consulente per l’efficienza energetica”? e quali mansioni dovrà assolvere, con quali competenze?

Il consulente energetico opera nel settore del risparmio energetico delle energie rinnovabili; è un professionista che affianca il cliente nella individuazione e realizzazione di interventi di riqualificazione e di efficienza energetica, aiutandolo ad orientarsi e consigliandolo di volta in volta quale servizio o tecnologia impiantistica è più indicato.

 

 

consulenza

Egli segue il cliente in tutte le fasi, dalla diagnosi energetica alla scelta delle soluzioni più efficaci per il risparmio energetico fino alla certificazione energetica; dev’essere in grado di analizzare i bisogni per proporre le soluzioni tecnologiche su misura.

Rivolgersi ad un consulente energetico esperto e qualificato ha dei vantaggi sia per le aziende e la pubblica amministrazione, sia per i cittadini che vogliono rendere più efficiente la loro abitazione e risparmiare sulla bolletta di elettricità, gas e acqua.
E’ pertanto un professionista con competenze a largo spettro in materia di energia, di legislazione e normativa tecnica di settore, in particolare dev’essere in grado di eseguire correttamente una diagnosi energetica e proporre, a seconda dei casi e delle esigenze del cliente, interventi di riqualificazione dell’involucro edilizio oppure degli impianti di condizionamento termico, deve conoscere le tecnologie impiantistiche a fonti rinnovabili e le loro applicazioni, ed esser capace di eseguire una valutazione tecnica ed economica di interventi di riqualificazione del sistema edificio-impianto.

edificio

E’ dunque una nuova figura professionale, un libero professionista che si affianca all’esperto in gestione dell’energia e all’auditor energetico, ma non meno importante perchè rappresenta il primo contatto del cliente ed influenza le sue scelte.Deve conoscere anche le tecniche di vendita e deve sapersi rapportare alle diverse tipologie di cliente, ma non è un venditore.

Pertanto è importante che abbia una formazione preferibilmente di tipo tecnico, (al momento non sono richiesti titoli di studio specifici, nè certificazioni) ed è opportuno che abbia seguito dei corsi di formazione specifici sulle tecnologie rinnovabili ed efficienti, per esser in grado di svolgere con professionalità questa nuova professione.

La formazione del Consulente energetico

La società Mesos, sempre in prima linea per rispondere alle esigenze formative del settore energetico e pensando a nuovi sbocchi professionali per i giovani in cerca di occupazione, sta progettando un percorso formativo di tipo teorico – pratico in grado di fornire le conoscenze, abilità e competenze di questa nuova figura professionale, sempre più richiesta sia dalle aziende sia dal cliente finale.

Riprendendo in conclusione ancora le parole che il presidente Mattarella rivolge ai giovani industriali:  “È necessaria una visione ambiziosa di lungo periodo per posizionare il nostro paese su un sentiero virtuoso. Soltanto un impegno condiviso potrà determinare condizioni durature per promuovere sviluppo, piena partecipazione al mondo del lavoro e progresso sociale”.

Non si può creare una crescita duratura nel paese e nuovi posti di lavoro senza un percorso di crescita personale e professionale finalizzato all’acquisizione di elevate competenze professionali e qualità dei servizi.

Share

Scarica Gratuitamente
i Materiali tecnici

Registrandoti gratuitamente al Portale riceverai la Newsletter
REGISTRATI GRATIS
Puoi disiscriverti in qualsiasi momento!
close-link
SBLOCCA I CONTENUTI